Welcome visitor you can log in or create an account

PIANO NAZIONALE DI CONTRASTO ALL’ANTIMICROBICO-RESISTENZA (PNCAR) 2017-2020

In occasione della settimana mondiale della consapevolezza antibiotica (13-19 novembre) e della Giornata Europea dedicata allo stesso tema (18 novembre), il Ministero della Salute ha presentato il nuovo Piano Nazionale di Contrasto all’Antimicrobico-Resistenza (PNCAR) 2017-2020.
Secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) l’AntiMicrobico-Resistenza (AMR) rappresenta una delle maggiori minacce per la salute pubblica, a causa dell’impatto epidemiologico ed economico del fenomeno. La più recente ed esauriente analisi, effettuata per conto del Governo Britannico, ha calcolato che gli effetti dell’AMR causano circa 50.000 decessi ogni anno in Europa e negli Stati Uniti, cui si aggiungono centinaia di migliaia di morti in altre aree del mondo. Nella stessa analisi è stato stimato che, in assenza di interventi efficaci, il numero di infezioni complicate da AMR potrebbe provocare, entro il 2050, la morte di 10 milioni di persone/anno e, nei Paesi OCSE, portare ad una perdita economica cumulativa compresa tra i 20 e i 35 miliardi di dollari.
PNCAR è stato approvato con intesa tra Governo, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 2 Novembre. Il Piano si basa su di un approccio intersettoriale e individua strategie coerenti con le indicazioni fornite da OMS, “ One health – Unica salute”, per affrontare e contrastare in maniera efficace un fenomeno che riguarda l’ambito umano, il settore veterinario e quello della produzione degli alimenti, senza dimenticare le ripercussioni sull’ambiente.
PNCAR è stato pubblicato, dopo ripetute sollecitazioni da parte della Commissione Europea, a causa dell’elevato tasso di antibiotico-resistenza del nostro Paese, quasi sempre superiore ai tassi di altri Stati Europei. Il Piano è stato predisposto da un gruppo di lavoro multidisciplinare, formato da esperti di Ministero della Salute, AIFA, Istituto Superiore di Sanità, Laboratorio Nazionale di Riferimento dell’Antibiotico-Resistenza, rappresentanti di Regioni e di alcune Società scientifiche.
PNCAR individua 6 ambiti di intervento: 1) Sorveglianza; 2) Prevenzione e controllo delle infezioni; 3) Uso corretto degli antibiotici - compresa Antimicrobial Stewardship; 4) Formazione; 5) Comunicazione e Informazione; 6) Ricerca e Innovazione.

Obiettivi generali di PNCAR, a livello nazionale, regionale e locale, sono:
- Ridurre la frequenza delle infezioni da microrganismi resistenti agli antibiotici
- Ridurre la frequenza di Infezioni Correlate all’Assistenza sanitaria ospedaliera e comunitaria (ICA, note in passato come Infezioni Ospedaliere).

E’ infatti dimostrato come, a livello globale, in tutte le strutture sanitarie sia indissolubile il legame tra microrganismi Multiresistenti agli antibiotici (MDR) ed infezioni contratte durante le pratiche assistenziali (ICA). Germi MDR sono spesso responsabili di infezioni che presentano poche, o nulle, opzioni terapeutiche, con conseguente aggravio per i pazienti e le relative famiglie, in termini di allungamento del ricovero, disabilità permanente, mortalità. Obiettivi generali del Piano sono quindi Obiettivi di Salute; prevedono interventi per migliorare l’uso appropriato degli antibiotici (Antimicrobial Strewardship) in Ospedale e sul Territorio, e per ridurre le ICA attraverso azioni di sorveglianza, prevenzione e controllo. Il raggiungimento di tali obiettivi comporterebbe un significativo risparmio anche in termini economici.
Per monitorare l’impatto della strategia nazionale sono stati selezionati alcuni indicatori nel settore della sorveglianza del consumo di antibiotici, delle infezioni correlate all’assistenza e della percentuale di microrganismi multiresistenti in ambito umano e veterinario.
In ambito umano, gli indicatori nazionali selezionati sono:

A. CONSUMO DI ANTIBIOTICI:
Nel 2020, rispetto al 2016, riduzione
- >10% del consumo di antibiotici sistemici in ambito territoriale, calcolati in DDD/1000 abitanti-die
- >5% del consumo di antibiotici sistemici in ambito ospedaliero, calcolati in DDD/100 giornate di degenza
- >10% del consumo territoriale di fluorochinoloni, calcolati in DDD/1000 abitanti-die
- >10% del consumo ospedaliero di fluorochinoloni, calcolati in DDD/100 giornate di degenza

B. RESISTENZE ANTIMICROBICHE
Nel 2020, rispetto al 2016, riduzione
- >10% della prevalenza di MRSA negli isolati da sangue, espressa come percentuale di isolati resistenti da emocolture, sul totale di S. aureus isolati da emocolture
- >10% della prevalenza di CPE (Enterobatteri Produttori di Carbapenemasi) negli isolati da sangue, espressa come percentuale di isolati resistenti da emocolture sul totale di Enterobatteri isolati in emocolture
Inoltre, entro il 2020
- Il 100% delle Regioni e PP.AA. dispone di un sistema di sorveglianza dell’antibioticoresistenza.

C. ALTRI INDICATORI
- Entro il 2020, il 100% delle Regioni e PP.AA, negli ospedali del proprio territorio, dispone di una sorveglianza esaustiva del consumo di soluzione idroalcolica per l’Igiene delle Mani, espressa come consumo di prodotti idroalcolici in litri/1.000 giornate di degenza ordinaria.

A cura di Antonio Macor

 
Riferimenti
  1. WHO. Report on the burden of endemic health care-associated infection worldwide. World Health Organization, 2011
  2. Antimicrobial resistance Global Report on Surveillance. Link
  3. Antimicrobial Resistance: Tackling a crisis for the health and wealth of nations. Link
  4. Barlam TF, et al. Implementing an Antibiotic Stewardship Program: Guidelines by the Infectious Diseases Society of America and the Society for Healthcare Epidemiology of America. Clin Infect Dis. 2016 May 15; 62(10):e51-77. doi: 10.1093/cid/ciw118.
  5. Piano Nazionale di Contrasto dell’Antimicrobico-Resistenza (PNCAR) 2017-2020. Link
  6. L'uso dei farmaci in Italia - Rapporto OsMed 2016. Link